Onoranze Funebri Roma saluta Bahman Golbarnezhad

Il ciclista paralimpico di 48 anni, Bahman Golbarnezhad, non ce l’ha fatta. L’atleta aveva partecipato alla guerra Iran – Iraq dove aveva perso la gamba sinistra. Tre anni dopo l’incidente aveva iniziato una coraggiosa attività sportiva prima come pesista e poi, dopo un serio infortunio alla spalla, come ciclista, riuscendo a qualificarsi di nuovo, dopo Londra 2012, ai XV Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro.

Ama Onoranze Funebri Roma, specializzata nell’organizzazione di funerali a Roma, ricorda il primo atleta a morire durante i Giochi Paralimpici.

17 settembre 2016: Golbarnezhad è l’unico atleta iraniano a partecipare a quella che sarebbe stata la sua ultima gara, la prova in linea C 4-5 maschile di ciclismo su strada, riservata agli atleti con amputazioni agli arti inferiori e con una gamba munita di protesi. Verso le 10.40 ora locale, durante il primo giro, l’atleta si lancia lungo le curve della discesa di Grumari ad alta velocità ma impatta contro una pietra e perde il controllo della bicicletta, battendo violentemente la testa contro l’asfalto.

Attività sportive appositamente organizzate per persone con disabilità fisiche nacquero nell’ambito della riabilitazione: in seguito alla seconda guerra mondiale, come risposta alle esigenze di molte vittime di guerra civili e militari, questi sport divennero una parte chiave della riabilitazione. Dall’ambito riabilitativo si passò allo sport ricreativo fino a quello competitivo. Il pioniere di questo approccio fu l’inglese Ludwig Guttmann il quale organizzò competizioni sportive per atleti in carrozzina durante i Giochi Olimpici di Londra 1948. L’evoluzione di queste competizioni divenne i Giochi Paralimpici, il primo dei quali fu Roma 1960.

I Giochi Paralimpici sono abbinati sistematicamente ai Giochi Olimpici veri e propri dal 2001, quando fu siglato un accordo tra il Comitato Olimpico Internazionale ed il Comitato Paralimpico Internazionale, per cui si garantisce che la città candidata ad ospitare le Olimpiadi deve organizzare sia i Giochi Olimpici sia i Giochi Paralimpici.