Onoranze Funebri Roma saluta Gianni Boncompagni

Gianni BoncompagniGianni Boncompagni – precursore delle tendenze e ideatore dei più grandi successi della radio e della televisione italiana – si è spento nella sua casa di Roma all’età di 84 anni, accudito dalle sue tre figlie.

Intorno a lui si è stretto il cordoglio di tantissimi personaggi pubblici, da Raffaella Carrà a Renzo Arbore ad Ambra Angiolini; anche AMA Onoranze Funebri Roma, agenzia funeraria della capitale, vuole dedicare questo articolo ad uno dei geni dello spettacolo moderno.

L’omaggio a Gianni Boncompagni parte proprio dal ricordo dei suoi successi radiofonici, per concludersi con l’esperienza televisiva e – in ultimo – con le parole che i suoi colleghi e i suoi amici hanno speso in suo ricordo.

Gianni Boncompagni può, senza ombra di dubbio, essere considerato un innovatore dell’intrattenimento leggero in Italia.

La sua carriera inizia in radio al fianco di Renzo Arbore con programmi diventati veri e propri “cult” come Bandiera Gialla e Alto gradimento e prosegue poi in televisione con Discoring, Pronto, Raffaella? e Carramba che fortuna!, per citarne solo alcuni.

La Raffaella nazionale entrò così nella vita di Boncompagni, diventando sua musa ispiratrice nello spettacolo e compagna di vita per un periodo.

Chi pensa poi che i “talent” siano frutto del Duemila, dovrebbe ricordare Non è la Rai, show che portò alla ribalta una giovanissima Ambra.

Ma non solo questo: Gianni Boncompagni è stato anche paroliere di grandi successi discografici come Ragazzo triste di Patty Pravo, Il mondo di Jimmy Fontana, Tuca tuca, Tanti auguri e A far l’amore comincia tu di Raffaella Carrà.

L’ultimo saluto a questo autore, talent scout e indimenticabile mattatore radiofonico è stato dato nella sede storica della Rai di via Asiago dove si è svolta una cerimonia laica nella quale parenti e amici hanno raccontato aspetti ironici e divertenti della vita di Boncompagni. Proprio come lui avrebbe voluto.