Onoranze Funebri Roma ricorda Luciano Rispoli

Luciano RispoliLuciano Rispoli è stato un conduttore radiofonico e televisivo, giornalista e dal 1977 al 1987 direttore del Dipartimento Scuola Educazione della RAI.

La sua carriera in RAI comincia in radio dove, tra l’altro, partecipa all’ideazione della trasmissione cult Bandiera gialla (di cui inventa il titolo), Chiamate Roma 3131 e della trasmissione di Corrado La corrida.

Nella televisione pubblica, nel 1974, in piena austerity e nei lunghi pomeriggi domenicali, Rispoli propone “Parliamo tanto di loro”, programma dedicato ai bambini visti dagli occhi dei genitori e, nel 1975, partecipa come ospite, tra gli altri, Ingrid Bergman.

Lo storico della televisione Michele Sorice lo definisce il primo talk show della TV italiana, antecedente a “Bontà loro” di Maurizio Costanzo.

Per Rai 1 e Rai 2 è stato inoltre ideatore e conduttore di: “Pomeridiana”, “l gioco dei mestieri”, “Intervista con la scienza”, “Pranzo in TV”, “La grande corsa”, “Una grande occasione” e “Parola mia”, famoso gioco incentrato sulla lingua italiana con la partecipazione in qualità di arbitro del linguista Gian Luigi Beccaria (un buon successo che si ripete per tre edizioni, nella fascia preserale di Rai Uno tra il 1985 e il 1988).

Nel 1990 lascia la RAI per Telemontecarlo, dove inventa e conduce dal 1993 al 2000, “Tappeto volante”, un talk show classico (dove sfilavano personaggi della politica, della cultura e dello spettacolo) con interviste dai toni civili e non urlati a cui si accompagnavano anche momenti dedicati all’attualità.

Molti i personaggi lanciati da Luciano Rispoli nella sua lunga carriera: Maurizio Costanzo, Paolo Villaggio, Raffaella Carrà, Paolo Limiti, Rita Forte, Melba Ruffo, Michela Rocco di Torrepadula, Gianni Boncompagni.