AMA Onoranze Funebri Roma ricorda il politico e sindacalista Guglielmo Epifani

Guglielmo Epifani

Guglielmo Epifani è morto a Roma lo scorso 7 giugno all’età di 71 anni a causa di un’embolia polmonare. Durante il suo funerale, tenutosi mercoledì 9 giugno nella chiesa di San Bellarmino ai Parioli, il sacerdote che ha presieduto la celebrazione ha ricordato che “qualche anno fa aveva scoperto una fibrosi polmonare affrontandola con coraggio e determinazione”. 
Guglielmo Epifani era nato a Roma nel 1950. Si laureò in filosofia con una tesi su Anna Kuliscioff, storica fondatrice ed esponente del Partito Socialista Italiano. Il nome di Guglielmo Epifani è legato indissolubilmente a quello della CGIL. Dopo alcuni incarichi entrò nel 1990 nella segreteria confederale e nel 1993 fu nominato dall’allora numero uno del sindacato, Bruno Trentin, segretario generale aggiunto. Dal 1994 al 2002 fu vicesegretario della CGIL e a seguito della conclusione del mandato di Sergio Cofferati, assunse l’incarico di segretario generale fino al 2010. In quegli anni si distinse come un riformista ma anche come uomo del dialogo, continuando la battaglia del suo predecessore in difesa dell’Articolo 18. In suo ricordo sono intervenuti anche alcuni suoi storici avversari politici come Silvio Berlusconi: “Guglielmo Epifani ha saputo guidare con equilibrio e generosità, in un momento difficile e di grandi cambiamenti per il mondo del lavoro, la Cgil. Con quello stesso spirito di servizio ha poi traghettato il Pd e proseguito la sua azione politica con LeU. Non ho condiviso molte delle sue idee, ma lo ricordo come un leader socialista leale e rigoroso”.
https://www.tgcom24.mediaset.it/politica/morte-epifani-berlusconi-leader-socialista-leale-e-rigoroso_33698343-202102k.shtml
Nel 2010 terminò la sua carriera sindacale ed iniziò presto quella politica all’interno del Partito Democratico. A seguito delle dimissioni di Pierluigi Bersani, venne scelto dall’assemblea del partito come reggente fino alla vittoria di Matteo Renzi alle primarie per la nomina del nuovo segretario. Dell’ex sindaco di Firenze, Guglielmo Epifani ne avversò la politica specialmente la riforma del lavoro nota come Job Act. A seguito di alcune controversie nate all’interno del PD scelse, insieme ad altri scissionisti come Pierluigi Bersani, Massimo D’Alema e Roberto Speranza, di aderire al movimento Articolo 1, che alle elezioni politiche del 2018 confluì nella lista Liberi e Uguali
Guglielmo Epifani è stato un grande appassionato di musica jazz e di poesia. Fu esperto di arte contemporanea, in particolare di pittura, ed un amante del buon vino.