AMA Onoranze Funebri Roma saluta la presidente Jole Santelli

Jole SantelliLa presidente della regione Calabria è morta lo scorso 15 ottobre a soli 51 anni. Da tempo lottava contro un tumore. Le sue condizioni di salute non destavano particolari preoccupazioni ma un’improvvisa emorragia interna, dovuta alle patologie tumorali, ha fatto precipitare la situazione cogliendola nella sua casa di Cosenza.
Jole Santelli era una donna forte, appassionata di politica e innamorata della sua Calabria. Proprio per questo un anno fa accettò la candidatura alla presidenza della sua regione, accogliendo l’invito di Silvio Berlusconi: “Quando Silvio Berlusconi mi offre la candidatura ringrazio felice, ma chiedo due minuti prima di accettare. Chiudo la telefonata e formo il numero del mio oncologo: posso candidarmi? Posso onorare il mandato quinquennale? Il medico risponde: non solo puoi candidarti ma mi auguro che io possa essere il tuo consulente negli anni della presidenza”, ha raccontato qualche mese fa al “Fatto Quotidiano”. Era il 26 gennaio scorso quando Jole stravinse le elezioni con il 55,3% dei voti, divenendo la prima presidente donna della Calabria, nonchè la seconda presidente di una regione dell’Italia meridionale.
Il suo coraggio e la sua determinazione nell’affrontare la malattia sono certamente un esempio e un testamento per tutti noi: “La malattia, oltre alla disgrazia, mi ha dato la fortuna di non avere paura della libertà, di essere libera e di sentirmi tale. E non ho paura del coraggio che serve perché quello l’ho dovuto conoscere così bene che è diventato un mio amico fraterno».
https://www.zoom24.it/2020/10/15/morte-jole-santelli-chi-era-la-donna-capace-di-ribellarsi-la-malattia-ti-aiuta-a-non-avere-paura/
Jole Santelli era nata a Cosenza nel 1968 e dopo essersi laureata in giurisprudenza nel 1992 intraprese la professione di avvocato, lavorando in importanti studi legali. Nel 1994 si iscrisse a Forza Italia, iniziando con il partito di Silvio Berlusconi un legame che sarà indissolubile nel tempo. Iniziò la sua attività politica nell’ufficio legislativo al senato per poi passare nel 1998 alla Camera dei deputati. Nel 2000 coordinò il dipartimento giustizia del partito e divenne assistente parlamentare di Marcello Pera. Nel periodo del secondo e terzo governo Berlusconi è stata sottosegretario al Ministero della Giustizia, mentre nella fase in cui il Popolo della Libertà appoggiò il governo Letta fu sottosegretario di Stato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Nella sua regione ha ricoperto anche, dal 28 giugno 2016, gli incarichi di vicesindaco ed assessore alla Cultura della città di Cosenza.
Negli ultimi giorni della sua vita Jole Santelli ha lavorato con la solita forza ed energia per gestire la situazione Coronavirus in Calabria. La sua improvvisa scomparsa ha destato tantissima commozione in tutto il mondo politico italiano. Il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi, particolarmente legato a Jole Santelli, l’ha ricordata con queste parole: “Era un’amica sincera, intelligente, leale, era una donna appassionata, una combattente tenace. Mi è stata vicina anche nei momenti più difficili. Non aveva paura di nulla, neppure della malattia e della sofferenza”.