AMA Onoranze Funebri Roma ricorda l’ex presidente FIA Max Mosley

Max Mosley

L’ex presidente della FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) Max Mosley è morto lo scorso 24 maggio a Londra. Aveva 81 anni ed era malato da tempo. Max Mosley è stato uno dei più importanti dirigenti della Formula Uno dedicando gran parte della propria vita alle corse automobilistiche.
Nato a Londra nel 1940 da Sir Oswald Mosley, fondatore e leader della British Union of Fascists, si laureò presto in Fisica ottenendo poi la qualifica di avvocato.
Sin da giovane le automobili erano la sua più grande passione. Negli anni sessanta tentò la carriera come pilota arrivando in Formula Due alla guida di una Brabham. Nel 1969 si ritirò dalle corse iniziando una brillante carriera dirigenziale. Cofondò la scuderia March Engineering di cui seguì la componente legale e commerciale per un decennio, vendendo poi le quote nel 1977. Nel frattempo insieme a Bernie Ecclestone, Frank Williams, Ken Tyrrel ed altri esponenti di spicco del mondo della Formula Uno fondò la FOCA (Formula One Constructors Associations) col proposito di rappresentare gli interessi commercialid ei vari Team negli incontri con la FISA (Fédération International du Sport Automobile), legata alla FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) che governava gli sport motoristici. Max Mosley fu uno dei promotori del Patto della Concordia, con il quale la FISA e la FOCA si spartirono gli interessi della Formula Uno: i primi ne ottennero il controllo del regolamento, i secondi la sua gestione economica e commerciale.
In quegli anni Max Mosley ebbe una breve esperienza politica nel Partito Conservatore Britannico, ma la sua passione per il Motorsport lo spinse a tornare nel mondo delle corse come presidente della commissione dei costruttori all’interno della FISA e fondando la scuderia Simtek. Il suo peso politico all’interno della Formula Uno era sempre maggiore e nel 1993 divenne presidente della FIA, incarico che mantenne fino al 2009. 
In tutti questi anni di presidenza, uno dei meriti maggiori riconosciuti a Max Mosley è quello di aver decisamente contribuito ad aumentare la sicurezza di questo sport soprattutto dopo il tragico incidente di Ayrton Senna nel 1994. Le monoposto divennero sempre più affidabili e introdusse crash test molto più rigidi. Inoltre, promosse l’European New Car Assessment Programme (Euro NCAP), test divenuti fondamentali per la sicurezza passiva delle automobili sul mercato.
L’ex patron della F1 e grande dirigente del motorsport Bernie Ecclestone ha voluto ricordare Max Mosley alla BBC con queste parole: “Per me è come perdere un membro della famiglia, un fratello. Ha fatto una sacco di buone cose. Non solo per il motorsport, ma anche per l’industria dell’auto”.
https://www.ilgiorno.it/cronaca/max-mosley-morte-1.6401298