AMA Onoranze Funebri Roma saluta l’ex calciatore Felice Pulici

felice pulici
L’ex calciatore Felice Pulici è morto lo scorso 16 dicembre presso il Policlinico Umberto I di Roma dopo una lunga malattia. Il prossimo 22 dicembre avrebbe compiuto 73 anni. Felice Pulici ha legato indissolubilmente il suo nome alla Lazio, squadra di cui fu il portiere nell’anno del primo storico scudetto. Quella Lazio fu una squadra capace di infiammare il cuore dei tifosi e ancora oggi viene celebrata dal pubblico biancoceleste. Era una squadra formata da calciatori di fortissima personalità, forgiata dal grande “maestro” Tommaso Maestrelli che la fece diventare quasi imbattibile.
Felice Pulici nacque a Sovico, paesino della provincia brianzola, nel 1945. Iniziò la sua carriera nelle giovanili del Lecco prima di trasferirsi al Novara in Serie C1 ottenendo nel ’70 la promozione in Serie B. Nonostante nella sfida del campionato cadetto del 1971-72 subì 5 reti dalla squadra biancoceleste, l’allenatore Tommaso Maestrelli lo volle con sè nella stagione successiva, quella del ritorno in Serie A della squadra capitolina. Una scelta che si rivelò azzeccatissima. Pulici difese per cinque anni la porta della Lazio senza mai macare una partita e vinse da protagonista lo storico scudetto del 1974, dopo averlo sfiorato nell’anno precedente. Nel 1977 passò al Monza e poi all’Ascoli dove ottenne una storica promozione in Coppa Uefa. Nel 1982 tornò alla Lazio per disputare la sua ultima stagione da calciatore divenendo l’anno successivo allenatore della squadra Primavera. Con l’arrivo alla presidenza di Giorgio Chinaglia, trascinatore della cosiddetta “Banda Maestrelli” e suo grande amico, ricoprì il ruolo di direttore generale del club.
Come gli altri protagonisti della cavalcata trionfale del ’74, Felice Pulici rimase legatissimo al “mondo” Lazio anche dopo la fine della carriera da calciatore. Ricoprì importanti ruoli dirigenziali sia sotto la gestione del presidente Sergio Cragnotti sia in quella di Claudio Lotito. L’attuale presidente della Lazio lo volle come membro della segreteria generale del club nel 2005 e l’anno successivo fu uno degli avvocati che difese la Lazio nel processo di Calciopoli. A seguito dell’inibizione del presidente Lotito, gli fu affidata la rappresentanza sportiva del club. A fine 2006 lasciò la Lazio e dopo una breve esperienza come direttore generale dell’Ascoli, divenne un importante dirigente dell’Associazione Nazionale per lo Sport dei Sordomuti.
I funerali di Felice Pulici si sono svolti il 18 dicembre scorso presso la chiesa di Cristo Re a Roma. Durante la cerimonia il capitano della Lazio del ’74 Pino Wilson ha voluto ricordare il suo compagno con una commovente lettera. Presenti alla cerimonia una delegazione della S.S.Lazio,  il presidente del Coni Malagò, il dirigente dell’A.S. Roma Bruno Conti e gli storici compagni della squadra dello scudetto. “Del ’74 uno degli eroi…Della Lazialità il vanto! Ciao Felix, Rip”: con questo striscione i tifosi della Lazio hanno voluto ricordare il mitico portiere all’uscita della bara.