AMA Onoranze Funebri Roma ricorda l’attore Luke Perry

Luke Perry
L’attore americano Luke Perry è morto lo scorso 4 marzo a soli 52 anni al Saint Joseph Hospital di Burbank (Los Angelses). Cinque giorni prima era stato colpito da un gravissimo ictus nella sua abitazione a Sherman Oaks e a nulla sono serviti i pronti soccorsi ed il ricovero in ospedale. Lascia la compagna Wendy Madison Bauer e i due figli Jack e Sophie, nati dal matrimonio con l’attrice Rachel Sharp dalla quale aveva divorziato nel 2003.
Luke Perry era nato a Masfield in Ohio nel 1966 e rimase orfano di padre all’età di 14 anni. Si trasferì a Los Angeles per fare l’attore, iniziando a recitare alla fine degli anni ottanta in alcune soap opera di ottimo successo come Destini e Quando si ama. Il successo arrivò nei primi anni novanta quando entrò nel cast della serie Tv Beverly Hills 90210 per il ruolo di Dylan McKay, un personaggio ribelle chiaramente ispirato ad un mito del cinema come James Dean. Il classico “bad boy” con problemi di alcool, figlio di una ricchissima famiglia e con un atteggiamento da duro che celava un animo gentile e fragile. Le sue love story nella serie con Kelly Taylor, una biondina spocchiosa, e la bruna Brenda Wash appassionarono ancor di più il pubblico femminile e Luke Perry divenne in breve tempo l’idolo di tutte le teenager. L’attore statunitense girò quasi tutte le stagioni: ininterrottamente dal 1990 al 1995 e dal 1998 al 2000. Luke Perry partecipò nel corso della sua carriera a numerose serie televisive e film, senza però mai raggiungere il successo ottenuto con Beverly Hills 90210. In particolare lo ricordiamo protagonista in televisione con la serie Jeremiah e sul grande schermo in film come Vacanze di Natale ’95 ed Il quinto elemento di Luc Besson.
Recentemente Quentin Tarantino lo aveva inserito nel cast del suo film, Once upon a time in Hollywood, e sembra che avesse già girato alcune scene. Leonardo DiCaprio, suo partner nel film di Tarantino lo ha voluto ricordare con queste parole: Luke Perry aveva un cuore grande ed era un artista dall’incredibile talento. È stato un onore poter lavorare con lui. I miei pensieri e le mie preghiere vanno a lui e ai suoi cari”.

.