AMA Onoranze Funebri Roma saluta il designer Piero Gratton

Piero GrattonIl designer Piero Gratton è morto lo scorso 3 aprile all’età di 81 anni. La sua notorietà è dovuta in gran parte alla creazione dello storico Lupetto della Roma nel 1978.
La registrazione del Lupetto per la società capitolina fu una vera e propria operazione di marketing, che iniziò in Italia il moderno merchandising nel calcio. L’allora presidente giallorosso Gaetano Anzalone aveva capito che la commercializzazione del marchio poteva essere un’importantissima fonte di ricavi. Così, dopo aver chiesto senza successo l’autorizzazione al comune di Roma per l’utilizzo della Lupa Capitolina (concessa poi a Sensi nel 1997), si rivolse a Piero Gratton che prese in mano l’intera operazione. Gratton non si impegnò solo nella creazione del nuovo logo, ma ridisegnò l’intera immagine grafica ed estetica della società giallorossa. Le principali novità riguardarono la creazione del logotipo asroma, l’abbigliamento sportivo (i meno giovani ricorderanno le maglie “ghiacciolo” della Pouchain) fino agli stessi abbonamenti dello stadio. https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2020/04/04/roma-storia-lupetto-di-gratton
Piero Gratton era nato a Milano nel 1939 e si trasferì da ragazzo a Roma frequentando il liceo artistico di Via di Ripetta. Dopo gli studi entrò in Rai dove fu per 25 anni responsabile del gruppo di grafica del TG2, del quale creò il primo logo. A lui si deve anche la creazione di loghi di popolari trasmissioni televisive come DribblingOdeon e in seguito di Tribuna politica e Tribuna elettorale. Il suo rapporto con lo sport, in particolare con il calcio, fu molto stretto. Oltre al già citato Lupetto della Roma, squadra di cui fu appassionato tifoso, progettò il Galletto obliquo del Bari, che rimase per oltre trent’anni sulle divise della società biancorossa e L’Aquilotto della Lazio, presente sulle maglie biancocelesti tra il 1979 ed il 1982.
Il nome di Piero Gratton è legato anche alla creazione di marchi per importanti manifestazioni sportive come quelli per  il campionato d’Europa di calcio giocato in Italia nel 1980, per l’UEFA nel 1983, per i campionati europei di ginnastica ritmica nel 1986 di Firenze, per il campionato del mondo di ciclismo su pista di Palermo nel 1994 e per i campionati europei di atletica leggera paralimpica di Grosseto nel 2016.
L’AS Roma si è stretta nel ricordo di Piero Gratton con un post pubblicato sul proprio profilo Twitter: “Oggi è un giorno triste per tutti i romanisti: ci ha lasciato Piero Gratton, papà del Lupetto e autore di pagine di storia legate alla nostra identità. Piero avrà sempre un posto speciale nel cuore di tutti noi”.