AMA Onoranze Funebri Roma ricorda Ugo Gregoretti

Ugo GregorettiUgo Gregoretti è morto nella sua casa romana il 5 luglio scorso all’età di 88 anni. Scompare uno degli artisti più originali e dissacranti del nostro Paese.
Ugo Gregoretti fu regista, attore, giornalista, sceneggiatore e drammaturgo. Una personalità quindi fuori dal comune, un intellettuale che ha saputo registrare ed intercettare i cambiamenti della società italiana come pochi altri. Coniugò “il suo talento grottesco e il suo impegno civile adattandolo alla Rai” (https://www.corriere.it/spettacoli/19_luglio_05/morto-ugo-gregoretti-03fd3b56-9f29-11e9-9a57-b175c64fdab2.shtml) attraverso programmi e sceneggiati che sono entrati nella storia della televisione.
Ugo Gregoretti  nacque a Roma nel 1930 da una famiglia di estrazione borghese. Nel 1953 entrò alla Rai da impiegato grazie, come lui stesso ci teneva a ricordare, ad una raccomandazione. Un anno dopo entrò a far parte del gruppo del telegiornale presieduto da Vittorio Veltroni (il papà di Walter). Nel 1960 esordì sul piccolo schermo con il documentario La Sicilia del Gattopardo, con cui vinse il Prix Italia. In televisione si impose come un attento osservatore di costume con programmi ed inchieste. Contemporaneamente scrisse e diresse sceneggiati e miniserie televisive di grande originalità. Ugo Gregoretti si cimentò come regista anche nel cinema non riuscendo però a raggiungere il grande pubblico. I suoi lavori apparsi sul grande schermo possiamo infatti definirli di nicchia e militanti, come ad esempio Vietnam scene del dopoguerra e Comunisti quotidiani (Ugo Gregoretti aderì al Partito Comunista Italiano nel 1970 rimanendo per tutta la sua vita in quell’area politica). Al cinema partecipò anche in veste di attore in pellicole di grande successo commerciale come C’eravamo tanto amati, Il comune senso del pudore e La terrazza.
Ugo Gregoretti si cimentò anche come regista lirico e col teatro di prosa. Fu direttore del teatro Stabile di Torino e dell’Accademia Silvio D’Amico di Roma. Ricevette nella sua lunga carriera numerosi premi tra i quali spicca nel 2010 il Nastro d’argento alla carriera.
Ugo Gregoretti è stato ricordato nella Capitale presso la Casa del Cinema. I suoi funerali si sono svolti nella Chiesa degli Artisti a Piazza del Popolo.